Skip to main content

LAMEZIA, MONS. PARISI ALLA NOVENA IN PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA MADONNA DEL CARMINE

By 15/07/2022Cultura, News, Sociale4 min read
LAMEZIA, MONS. PARISI ALLA NOVENA IN PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA MADONNA DEL CARMINE - Incipit - sistema comunicazione

“La Madonna del Carmelo insegna ad ognuno di noi che, per arrivare alla grandezza

dell’umanità, cioè per esprimere pienamente l’umanità della quale il Signore ci ha

fatto dono sin dall’inizio facendoci a sua immagine e somiglianza, per arrivare alla

grandezza dell’espressione della nostra umanità più vera e più bella, dobbiamo

scendere nella nostra piccolezza, nella nostra fragilità, nel nostro limite e lì scoprire

che il Signore, non nonostante il nostro limite, ma attraverso il nostro limite realizza

la sua opera di amore e di salvezza”. Questo lo spunto di riflessione che il vescovo,

monsignor Serafino Parisi, ha offerto nell’omelia durante la celebrazione eucaristica

officiata nel corso della novena in preparazione alla festa della Madonna del

Carmine.

“Quando penso alla Madonna del Carmine – ha proseguito monsignor Parisi – penso

un po’ anche alla mia infanzia, perché nel paese di origine di mio padre c’è la chiesa,

che dieci anni fa è stata elevata a Santuario, a Lei dedicata. Quando sono andato in

Israele ed ho visto il monte Carmelo, che è una delle prime tappe di chi va in Terra

LAMEZIA, MONS. PARISI ALLA NOVENA IN PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA MADONNA DEL CARMINE - Incipit - sistema comunicazione

Santa, dovevo mettere a confronto due immagini contrastanti: in Israele, vedevo

questo monte bellissimo che guarda e domina il mare Mediterraneo dove il profeta

Elia aveva annunciato la signoria di Dio sulla storia, l’unicità di Dio sulla storia, posto

in alto, mentre l’immagine che portavo e porto ancora con me di questa chiesa molto

piccola ma suggestiva della Madonna del Carmine, era posta nel punto più basso di

una vallata. Se per il monte bisognava salire, per la chiesa bisognava scendere. Non

riuscivo a mettere insieme queste cose. Lì, però, ho compreso la logica di Dio che,

poi, è stata la logica di Maria”.

Maria, infatti, “ha accolto nella propria vita – ha aggiunto il Vescovo – l’annuncio

della novità più grande di tutta la storia che, cioè, Dio da Lei, tramite Lei, grazie a

Lei, voleva prendere la carne dell’umanità, la carne nostra. Allora, cosa fa il Signore?

Scende, percorre la strada in discesa dell’umanità ed entra direttamente nella nostra

storia chiedendo a Maria di essere la Serva del Signore. Allora, che cosa fa

l’umanità? Grazie a Maria si ritrova sollevata sul monte, si ritrova posta in alto. Sì,

l’umanità perché viene totalmente assunta dal Verbo e viene posta in alto proprio

come era stato per Maria, la serva umile che, però, dentro la sua umiltà, era scesa fino

al punto più basso dell’umanità. Così come aveva fatto il Figlio, ce lo ricorda San

Paolo nelle sue lettere, scende nel punto più basso e grazie a questa sua umiltà a

questa sua discesa nella profondità dell’umanità, porta l’uomo nel punto più alto, lo

innalza. Questa è la logica di Dio. Questa è la logica di Maria e questa è anche la

logica del servizio che viene chiesto ad ognuno di noi”.

Una riflessione ma, nel contempo, una provocazione per chi intende aprirsi a Dio, a

quel Dio che scava nelle nostre vite come “l’aratro scava la terra”, che “deve

scendere giù, smuovere le zolle, lì dove viene buttato il seme. E questo seme che

muore risorge a novità”.

Prendendo spunto dalle letture del giorno, monsignor Parisi ha poi sottolineato che

“Dio, di fronte al fallimento dell’umanità, di fronte alla fatica dell’umanità, una fatica

improduttiva, inefficace, di fronte al dolore del parto che, però, lascia nello sconcerto

perché alla fine non esce nulla di nuovo nella storia”, “è qui proprio per affrontare i

nostri drammi, i nostri fallimenti, è qui per affrontare insieme con noi i nostri

insuccessi”. Il Signore, infatti, “non condanna l’uomo per il fallimento, non lo

opprime per la sua inconsistenza, per l’insignificanza della sua opera” ma “gli dice:

rimettiti ancora alla mia sequela, vieni ancora dietro di me. E lo dice con

un’immagine che viene recuperata dagli antichi profeti: il giogo” che, però, “non è

più il giogo dell’oppressione, il giogo della schiavitù, cioè di coloro che ti mettevano

il cappio al collo, per intenderci, e trascinarti da una parte all’altra”, ma è quello

strumento che “con la fatica dei buoi ma anche con la fatica del contadino riusciva ad

incidere un solco nella terra, a smuovere la terra perché venisse preparata ad

accogliere il seme per dare vita nuova”.

Il giogo, quindi, altro non è che “questa premura di Dio – ha concluso monsignor

Parisi – che ti conduce dentro la storia perché la tua opera non sia vento

insignificante, ma perché l’opera dell’uomo sia, invece, forza capace di dare novità

alla terra smuovendo le zolle, smuovendo il terreno”.

© Incipit sistema comunicazione

designed by MM design & comunicazione.