di Redazione

Il Centro Calabrese di solidarietà Ets festeggia la Giornata internazionale della donna in maniera speciale, attraverso un’iniziativa solidale volta a rendere questa ricorrenza un momento di sostegno concreto alle donne che si rivolgono al Centro Antiviolenza “Mondo Rosa”, la struttura che accoglie e assiste le donne che hanno subito violenza, fornendo loro un rifugio sicuro e tutte le risorse necessarie per superare questa difficile esperienza. Per sostenere questa importante causa, il Centro Calabrese di Solidarietà ETS ha organizzato un’azione concreta e tangibile che coinvolge la partecipazione dei cittadini: durante la giornata dell’8 marzo, i ristoranti aderenti all’iniziativa offriranno ai propri clienti la possibilità di partecipare attivamente alla solidarietà. Prenotando un tavolo presso uno dei ristoranti partner, il 10% del conto sarà devoluto al Centro Calabrese di Solidarietà ETS e destinato integralmente alle attività del Centro Antiviolenza “Mondo Rosa”.

L’iniziativa è stata presentata nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta ieri, al Centro Polivalente di via Fontana Vecchia, alla presenza della presidente Isolina Mantelli, anche la direttrice amministrativa del CCS, Vittoria Scarpino, la responsabile del Centro Studi del Centro Katia Vitale, Pippo Capellupo e Gianni Merando del Direttivo del CCS ETS, il direttore artistico del Teatro Comunale di Catanzaro, Francesco Passafaro ed i responsabili delle aziende che hanno aderito all’iniziativa: Simona Garofalo e Nuccio Nunnari, rispettivamente per “Mulinum” e “Papuga”.

Hanno aderito all’iniziativa anche: Kesa’s, McDonald’s, La Lanterna, Le Votarelle, La Vecchia Catanzaro, A Picocca, Big B.

“Partirei da lontano – ha detto ai giornalisti Isolina Mantelli che del Centro di solidarietà è presidente -. Tanti anni fa l’8 marzo ha significato l’occupazione dei ristoranti da parte di sole donne, con tavoli occupati solo da donne. Ciò avveniva solo l’8 marzo. Tanta acqua è passata sotto i ponti, le donne hanno acquistato autonomia potere e libertà, mentre dall’altra parte è aumentata la violenza su di loro, come triste contraltare. Da allora sono state costruiti Centri anti violenza e Case rifugio, considerato l’aumento della violenza dell’uomo contro la donna. Oggi stiamo chiedendo aiuto ai ristoratori proprio in quel giorno, perché vengano aiutate queste iniziative, come il nostro Centro antiviolenza e Mondo Rosa, la nostra casa rifugio, per garantire la continuità lavorativa e l’assistenza ai bambini che si trovano coinvolti”.

In Calabria esistono diversi centri antiviolenza. Devo dire che ogni tanto fanno cosa strane, tipo l’ultima iniziativa che mette a rischio famiglie rispetto alla violenza del maltrattante. Noi abbiamo avuto due tentativi di intrusione da parte del maltrattante e ci difendiamo con videosorveglianza e polizia. Come si potrà difendere una famiglia che ospita una donna? Il progetto del Comune e di Astarte mette a rischio il principio della protezione e dell’uscita dalla violenza che non vuol dire solo accoglienza nel momento dell’emergenza, soprattutto nelle piccole città come Catanzaro dove è facile sapere dove la donna è ospite, ma vuol dire affiancare la donna da persone che conoscono la violenza e sanno come affrontarla. Solo chi non conosce la violenza può permettersi di mettere a rischio le famiglie. Noi sappiamo benissimo cosa significa l’attesa nei momenti difficili. Ieri sera c’era una donna con una bambina che non trovavano collazione. Allora il problema è sapere quante Case rifugio servono in Calabria, e comprendere che queste sono servizi obbligatori per la difesa delle donne, rispettando ovviamente la legge per l’accreditamento. Quale famiglia può rispettarla. Come può essere che una famiglia diventi il punto di accoglienza di una donna”.
Il riferimento di Isolina Mantelli è all’iniziativa congiunta di Comune e Astarte di cui abbiamo parlato.

Parlando di Centri Antiviolenza, il punto sugli accreditamenti lo ha fatto Vittoria Scarpino, direttrice amministrativa del CCS: “La Regione Calabria ha diramato i requisiti per i Centri antiviolenza, con la delibera di giunta 499. Il problema è che ancora non autorizza i Centri anti violenza all’accreditamento, per cui siamo attualmente in un regime di sussidiarietà, nel senso che tutto ciò che noi realizziamo lo facciamo con pochi euro della legge 20 del 2007 e con i fondi del Dpcm delle Pari opportunità, quando i requisiti richiesti come strutture accreditate agli albi regionali sono prescrittivi. È necessario che la Regione Calabria acceleri sugli accreditamenti, probabilmente sono in attesa di determinare le relative tariffe”. I particolari dell’iniziativa sono stati illustrati da Katia Vitale che è entrata nel vivo dell’iniziativa spiegando lo spirito di un progetto che vuole rafforzare la rete della collaborazione a sostegno delle donne, fatta di azioni concrete che possono coltivare, far crescere e sviluppare le risorse necessarie alla realizzazione di un progetto sociale di cui il Centro calabrese di solidarietà Ets è custode, destinando la generosità di chi partecipa alle persone fragili, che restano ai margini, che hanno bisogno di una speranza e di una seconda opportunità.

Parole di soddisfazione per l’iniziativa, sono arrivate dai titolari degli esercizi commerciali che hanno risposto alla richiesta del CCS. Simona Garofalo, store manager del Mulinum di San Floro, ha commentato dicendo: “Abbiamo aderito a questa proposta, proprio perché anche nel nostro progetto la donna ha un ruolo importantissimo. Donna che è stata, da sempre, il baluardo delle nostre tradizioni. Auspichiamo che, iniziative come questa, possano essere riproposte anche in altre occasioni”. Anche Nuccio Nunnari ha ribadito lo spirito dell’adesione all’iniziativa: sostenere le donne, e soprattutto un progetto che contribuisca ad un cambio di mentalità nella direzione della valorizzazione delle donne, che “sono davvero il cuore della comunità”.

A sorpresa arriva anche l’annuncio di Passafaro: “Il nostro contributo – ha detto – sarà quello di devolvere il 10 per cento dell’incasso della serata del 10 marzo in cui andrà in scena lo spettacolo “Giovanni e Paolo gli antieroi”, dedicato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino: Serata in cui avremo la presenza anche della mamma di Emanuela Loi, l’agente rimasta uccisa nell’attentato di via D’Amelio”.

Ti sei perso