Skip to main content

LA PAROLA AL CENTRO NELLA PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE – Fotogallery

By 15/11/2022Attualità, Cultura, News2 min read
LA PAROLA AL CENTRO NELLA PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE - Fotogallery - Incipit - sistema comunicazione

L’educazione alla differenza di genere nella scuola italiana è diventata un obiettivo irrinunciabile, come specificato anche dall’agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, perché è chiaro che tanta strada c’è ancora da fare per il raggiungimento di tale obiettivo in tutti i settori della vita sociale. La scuola quale agenzia educativa ha la responsabilità di formare menti aperte e riflessive, in grado di analizzare criticamente i messaggi provenienti dal mondo esterno e non accettare passivamente ruoli e modelli comportamentali stereotipati.  In continuità con un percorso iniziato nello scorso anno scolastico si è tenuta, ieri pomeriggio, nell’aula consiliare della città di Locri, un’importante tavola rotonda sul tema: “LA PAROLA AL CENTRO.

LA PAROLA AL CENTRO NELLA PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE - Fotogallery - Incipit - sistema comunicazione

A scuola per riconoscere, prevenire e contrastare la violenza di genere”. Protagonisti indiscussi gli studenti di due Licei cittadini: Il Mazzini e l’Oliveti-Panetta che con le loro parole, i loro racconti e le loro esperienze di vita – legati alle riflessioni scaturite in seguito alla lettura del libro “Sono sbagliata” di Filomena Drago – sono riusciti ad emozionare la nutrita platea. Oltre all’autrice del libro che ha sapientemente illustrato l’importanza dell’ascolto nella relazione di aiuto sono intervenute: la dottoressa Olga Tarzia Presidente della II sezione penale della Corte d’appello di Reggio Calabria e le prof.sse Anna Maria Mittica e Federica Malara che hanno seguito gli studenti durante tutto il percorso di preparazione dell’evento.

LA PAROLA AL CENTRO NELLA PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE - Fotogallery - Incipit - sistema comunicazione

Dalle parole di tutti, ma in particolare da quelle della Dirigente Carla Maria Pelaggi e della vicepreside Girolama Polifroni, è emerso chiaramente che è compito di ogni educatore rapportarsi agli alunni  e  lavorare nelle classi tenendo sempre conto della dimensione di genere perché educare alle differenze di genere significa abituare, sin dall’infanzia, a saper leggere in modo critico i messaggi ed i contenuti culturali provenienti dai contesti educativi formali e non formali, mettendo in condizione i ragazzi e le ragazze di poter esprimere la propria identità e scegliere il proprio percorso professionale e di vita, indipendentemente dal sesso di appartenenza.

LA PAROLA AL CENTRO NELLA PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE - Fotogallery - Incipit - sistema comunicazione

L’assessore Domenica Bumbaca, infine, coordinatrice dei lavori, ha affermato che solo tramite l’attività sinergica di scuola, famiglia Enti e Associazioni sensibili alla tematica, mediante una comunicazione efficace (che mette al centro la parola), si potrà prevenire  il triste fenomeno della violenza di genere.

LA PAROLA AL CENTRO NELLA PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE - Fotogallery - Incipit - sistema comunicazione

© Incipit sistema comunicazione

designed by MM design & comunicazione.