Skip to main content

LA RELIQUIA DI SANT’ILARIONE AL SANTUARIO NOSTRA SIGNORA DELLO SCOGLIO

By 28/10/2022News3 min read
LA RELIQUIA DI SANT’ILARIONE AL SANTUARIO NOSTRA SIGNORA DELLO SCOGLIO - Incipit - sistema comunicazione

Grande gioia, la settimana scorsa, fra i numerosi pellegrini accorsi, da ogni parte d’Italia e d’Europa, come ogni mercoledì e ogni sabato (in cui si svolgono gli incontri di preghiera con i sacerdoti e Fratel Cosimo), al santuario diocesano Nostra Signora dello Scoglio. Infatti, a sorpresa, l’arciprete di Caulonia centro, don Antonio Magnoli, accompagnato da un gruppo di devoti cauloniesi, ha portato la reliquia, contenuta in un braccio d’argento, del tanto amato e venerato Sant’Ilarione abate, patrono di Caulonia. Un gesto molto bello e apprezzato da tutti, quello dell’attivo e molto stimato sacerdote, che ha riempito di gioia pure il cuore di Fratel Cosimo, molto devoto a Sant’Ilarione. Tra l’altro, il nome del compianto padre del mistico placanichese, è Ilario. Originario di Ursini di Caulonia, il papà assieme alla mamma di Fratel Cosimo Fragomeni, la signora Maria Mazzà, hanno sempre testimoniato una profonda devozione verso Sant’Ilarione abate. Un grande santo eremita, che nacque da genitori pagani verso il 291, a Tabata, piccola città della Palestina.

Dati storici evidenziamo che Ilario fu mandato, ancora fanciullo, ad Alessandria d’Egitto per compiere gli studi, e si distinse per vivacità d’ingegno e integrità di costumi. Rapidi furono i progressi nelle scienze umane: non meno rapido fu l’avanzamento nella pratica delle cristiane virtù, allorché conosciuta la vera religione si convertì al Cristianesimo. Come riporta il sito di santi e Beati: “Avido di udire la divina parola, fu sempre sollecito nell’intervenire alla sacra predicazione e nell’assistere ai divini uffici. Nauseato della vita licenziosa in Alessandria e mosso dall’ardente desiderio della perfezione cristiana, abbandonò quella città per recarsi in Tebaide presso S. Antonio abate. Fu a quella scuola che apprese vivo amore alla solitudine, all’orazione e alla penitenza. Ma il grande concorso delle persone che venivano ad Antonio per ammirarne la santità o riceverne consiglio presto lo annoiò; sicchè, abbandonato quel luogo nel 307, fece ritorno al tetto paterno, dove, con suo profondo dolore apprese della morte degli amati genitori. Privo ormai d’ogni umano conforto si abbandonò totalmente nelle mani della Divina Provvidenza e donata parte dei suoi beni ai fratelli e parte ai poveri, lasciò definitivamente la casa paterna, per ritirarsi a Maiumma, luogo solitario della Palestina. L’ardore con cui si diede alla vita monastica, cambiò quel deserto che fin allora aveva servito di covo agli assassini, in un’oasi di santi uomini, che da lui diretti, eressero diversi monasteri. Interrogato una volta il Santo da alcuni malviventi sul come si sarebbe comportato qualora i ladri l’avessero assalito, rispose: “Un uomo povero e nudo non teme i ladri”. “Ma ti potrebbero togliere la vita” soggiunsero. “Questo è vero, replicò il Santo, ma io non temo la morte, perchè sono sempre apparecchiato a ben morire”.

LA RELIQUIA DI SANT’ILARIONE AL SANTUARIO NOSTRA SIGNORA DELLO SCOGLIO - Incipit - sistema comunicazione

Mirabilmente soggiogò le sue passioni con la preghiera e con le continue e aspre penitenze, riducendo all’ubbidienza della volontà il corpo ribelle. Spendeva i suoi giorni unicamente nel servizio del Signore, alternando la preghiera e la contemplazione con lo studio delle Sacre Scritture e il lavoro manuale. Vestì molto poveramente e si cibò sempre di erbe e di pochi fichi: solo negli ultimi mesi fu costretto a prendere un po’ di minestra. Nonostante le macerazioni e le mortificazioni che infliggeva al suo corpo, toccò la bell’età di 80 anni. Scrive S. Girolamo che prima di rendere l’anima a Dio, il vecchio steso in terra su di una rude stuoia, sorpreso dal timore del giudizio, andasse ripetendo a se stesso: “Di che temi o anima mia? Perchè ti conturbi se per quasi settant’anni hai servito il tuo Signore?”.

LA RELIQUIA DI SANT’ILARIONE AL SANTUARIO NOSTRA SIGNORA DELLO SCOGLIO - Incipit - sistema comunicazione

A Pafo, nel 372, il Signore lo chiamò a ricevere il premio. Il suo corpo glorioso fu dal discepolo Eusebio riportato al monastero di Maiumma.”

© Incipit sistema comunicazione

designed by MM design & comunicazione.