Skip to main content

๐—ก๐—˜๐—Ÿ๐—Ÿ๐—” ๐—Ÿ๐—ข๐—–๐—ฅ๐—œ๐——๐—˜ ๐—จ๐—ก๐—” ๐—ฅ๐—”๐—ฆ๐—ฆ๐—˜๐—š๐—ก๐—” ๐—Ÿ๐—œ๐—•๐—ฅ๐—”๐—ฅ๐—œ๐—” ๐—œ๐—ง๐—œ๐—ก๐—˜๐—ฅ๐—”๐—ก๐—ง๐—˜ ๐——๐—”๐—Ÿ ๐Ÿฎ๐Ÿฏ ๐—Ÿ๐—จ๐—š๐—Ÿ๐—œ๐—ข ๐—”๐—Ÿ ๐—ฆ๐—˜๐—œ ๐—”๐—š๐—ข๐—ฆ๐—ง๐—ข

By 23/07/2022Cultura, News, Politica, Sociale4 min read
๐—ก๐—˜๐—Ÿ๐—Ÿ๐—” ๐—Ÿ๐—ข๐—–๐—ฅ๐—œ๐——๐—˜ ๐—จ๐—ก๐—” ๐—ฅ๐—”๐—ฆ๐—ฆ๐—˜๐—š๐—ก๐—” ๐—Ÿ๐—œ๐—•๐—ฅ๐—”๐—ฅ๐—œ๐—” ๐—œ๐—ง๐—œ๐—ก๐—˜๐—ฅ๐—”๐—ก๐—ง๐—˜ ๐——๐—”๐—Ÿ ๐Ÿฎ๐Ÿฏ ๐—Ÿ๐—จ๐—š๐—Ÿ๐—œ๐—ข ๐—”๐—Ÿ ๐—ฆ๐—˜๐—œ ๐—”๐—š๐—ข๐—ฆ๐—ง๐—ข - Incipit - sistema comunicazione

Si apre sabato 23 luglio la Rassegna Libraria Itinerante, organizzata a Locri dalla sezione reggina dellโ€™Istituto per la Storiadel Risorgimento Italiano (ISRI). La rassegna, un vero e proprio esperimento di presentazione di libri, saggi, studi sul Risorgimento, con particolare attenzione ai temi che specificatamente riguardano la Calabria, inizia da Locri, sede in cui la sezione reggina dellโ€™ISRI ha ripreso vita dopo alcuni anni di inattivitร , con lโ€™intento di spostarsi, negli anni a venire, in localitร  diverse della Provincia di Reggio.

โ€œScopo principale della manifestazione, – ci dice Pino Macrรฌ,presidente di Sezione – รจ quello di divulgare i temi di un periodo storico cruciale per la storia italiana, avendo contribuito alla creazione di quellโ€™Entitร  culturale, sociale e politica, lโ€™Italia, che oggi conosciamo, vanto del mondo interoโ€.

In particolare, lโ€™intento degli organizzatori รจ quello di porre un freno al dilagare di presunte revisioni di quel periodo storico, imperniate tutte su una lettura della storia completamente avulsa dalla ricerca rigorosa, e spesso condita da episodi a volte del tutto inventati, e tesi a creare un clima divisivo, di supporto alle pericolose ventate secessionistiche. 

โ€œQueste, originate qualche decennio fa dalla Lega bossiana, – continua Macrรฌ – si sono quindi tuffate avventatamente alla ricerca di populistici revanchismi, sulla base di sentimenti di rivalsa verso un nord che, in veritร , non sempre ha dimostrato sinceri sentimenti di fratellanza, ma che, addirittura, specie sullโ€™onda delle odiose ed altrettanto ingiustificate ed ingiustificabili spinte leghiste, soffia sul fuoco dellโ€™egoismo di pochi, ma col concreto rischio di minare seriamente i principi di unitร , sola strada di salvezza e progresso civile per la Nazione tutta. Cosicchรฉ, fantomatici ed iperbolici (quanto falsi ed irrealistici) โ€œprimatiโ€ vengono sbandierati con una disinvoltura criminale in chi li esibisce con fini secessionisti, cui, purtroppo, fa da pendant โ€“ continua Macrรฌ – un acritico accoglimento da parte di chi, in buona fede, rimane colpito da queste vere e proprie fake news pensando di aumentare la propria autostima. Senza rendersi conto, invece, di cascare in una trappola populistica inzuppata di cospicue dosi di provincialismo, a tutto vantaggio di chi โ€œgiocaโ€ la rischiosa carta della secessione, ad unico beneficio proprio di quel Nord contro cui si pensa di combattere. รˆ proprio al โ€œfact checkingโ€, cioรจ allโ€™analisi delle cosiddette โ€œbufaleโ€ รจ dedicata la serata di apertura con la presentazione del libro di Pino Ippolito Armino, dal titolo esplicativo, irriverente ed ironico insieme โ€œIl fantastico Regno delle Due Sicilieโ€.

Seguirร , sabato 30 luglio, la presentazione di un piccolo capolavoro del settore: โ€œI cannibali dei Borboneโ€, volume con cui il Professor Luca Addante (Universitร  di Torino) illustrerร  i metodi utilizzati dai Borbone e dagli accoliti briganti per contrastare quello che molti storici indicano come lโ€™episodio di inizio del Risorgimento, ossia la Repubblica napoletana del 1799: episodi talmente feroci ed incivili da ricomprendere addirittura attidi cannibalismo perpetrati ai danni di molti dei rivoluzionari.

Successivamente, il 3 agosto, il noto storico Professor Vincenzo Cataldo, presenterร  la sua ultima fatica, dal titolo โ€œPer ordine del Prefettoโ€: si tratta di unโ€™analisi seria e approfondita della gestione del territorio della provincia reggina nel Quarantennio susseguente allโ€™Unitร , dal 1861 al 1900 circa, dalla quale emergerร  con chiarezza la funzione negativa di molti dei โ€œgalantuominiโ€ calabresi che presero il potere, spesso spadroneggiando o, comunque, mal governando, finendo poi collโ€™offuscare vergognosamente gli alti principi su cui tanti, tantissimi calabresi posero senza remora alcuna la loro vita al servizio dellโ€™Ideale di annichilimento della tirannide borbonica.

Infine, nella serata del 6 agosto, lโ€™altrettanto noto ex preside Carmelo Nucera illustrerร  la ponderosa ricerca da lui condotta sulle tracce dei tanti calabresi di origine grecanica che furono protagonisti di quellโ€™epopea di libertร .

Pino Ippolito Armino, palmese; Luca Addante, cosentino; Vincenzo Cataldo, geracese; Carmelo Nucera, bovese: quattro autori tutti calabresi che, su basi rigorose di ricerca documentaria ed archivistica, cercheranno di spiegare come lโ€™Unitร  dโ€™Italia, contrariamente alle vulgate secessionistiche e neoborboniche, abbia avuto come motore principale una spinta incontestabile ed insostituibile proprio nella volontร  dei popoli meridionali di liberarsi della tirannia, nei sacri principi di libertร  e fratellanza con i settentrionali che, con altrettanto ardore, concorsero, come detto prima, alla creazione di una grande Nazione, finalmente in grado di riaffermare nel mondo il posto di assoluta preminenza che le spetta.

ยฉ Incipit sistema comunicazione

designed by MM design & comunicazione.